Spazio-Alfieri-Firenze_Anzovino_Napoli-velata

dalle 18.30 Due documentari di Emanuela Audisio / 21.30 Napoli Velata

Home  /  Archivio Eventi  /  Current Page

Lunedì 15 Gennaio


/ CINEMA ore 18.30 e 19.30

Due documentari di Emanuela Audisio

ore 18.30
PASOLINI MAESTRO CORSARO
Di Emanuela Audisio

Una menzione speciale al lavoro realizzato dalla giornalista di Repubblica per il quarantennale della morte dello scrittore. I Nastri ai migliori documentari saranno consegnati il 25 alla Casa del Cinema di Roma.

Una menzione speciale per quei film che “con un’attenta e appassionata ricostruzione, nell’anno di un anniversario importante, hanno riacceso la curiosità e l’indagine non solo giornalistica ma di autentico approfondimento, oltre il potere della divulgazione, sulla cultura, la poesia, l’originalità e in una parola, appunto, sulla voce unica di uno straordinario protagonista del Novecento e non solo sul suo cinema che continuiamo ad amare”. Per queste ragioni il Sngci, il sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani che assegna ogni anno i Nastri d’argento, ha deciso di premiare per la sezione documentari tre film dedicati a Pier Paolo Pasolini, fra i quali Pasolini maestro corsaro di Emanuela Audisio, firma di Repubblica (gli altri due sono Pasolini, il corpo e la voce di Maria Pia Ammirati e La voce di Pasolini di Matteo Cerami e Mario Sesti).

Il docufilm realizzato da Audisio in occasione del quarantennale della morte dell’intellettuale è un viaggio alla ricerca di quel che resta, nella società italiana, della sua riflessione e della sua dell’opera, dal cinema ai libri fino alla passione per il calcio. Sessanta minuti di testimonianze, introdotte dal racconto di Fabrizio Gifuni, materiali inediti, ricordi e interviste, dagli amici di sempre come Dacia Maraini e Ninetto Davoli a Martin Scorsese, Dante Ferretti, Adriana Asti, Paolo Poli per citarne solo alcuni. Fra gli argomenti affrontati, anche l’omicidio di Pasolini, mistero italiano che continua a pesare sulla coscienza del paese.

_
ore 19.30
DA CLAY AD ALI. LA METAMORFOSI
Di Emanuela Audisio

Astuzia, o forse istinto. Il campione capì prima di altri le nuove forme del consenso. E mandò tutti al tappeto. Un documentario di Emanuela Audisio racconta la storia.
Era talmente “il più grande” che l’espressione, a sentirla riferita ad altri, rimanda comunque a lui. Era Cassius Clay di nascita e Muhammad Ali di crescita dopo il cambiamento epocale interno.
E infatti siamo a Da Clay ad Ali. La metamorfosi. Lo ha scritto e diretto Emanuela Audisio ed è andato su Repubblica tv martedì 17 e su Sky Arte – che lo ha prodotto con Repubblica – lo stesso giorno alle 21.15.
Tenendo come snodo centrale tutta quella che fu, appunto, la metamorfosi, metà anni Sessanta, la conversione all’Islam del personaggio più clamoroso del Pianeta, con tutto quello che ne derivò, sfila tra immagini e testimonianze una Storia che merita la maiuscola, anche per come andò a finire, anche per tutto quello che non finì bene, ed è moltissimo. Ne parlano esperti e compagni d’epoca, vedi il fotografo e regista William Klein – mentre passano spezzoni incredibili di quelli che oggi chiameremmo backstage prima dei match importanti – ci sono Nino Benvenuti e Furio Colombo, ma anche Oliviero Toscani e Franco Nero oltre a Gianni Minà, ma anche scrittori come Thomas Hauser o gente d’arte geniale come Julian Schnabel, c’è la voce narrante di Lella Costa. Tutto per Ali e per fissare dentro una cornice epocale quello che la metamorfosi di cui sopra significò per lui, il ragazzo di Louisville, e per il mondo che gli impazzì appresso.
_

Ingresso libero

 

Dalle 19.00 alle 21.00
PROVA L’APERICINEMA DE “I RAGAZZI DI SIPARIO
con le specialità preparate dai nostri ragazzi
APERICINEMA • ingresso al film + aperitivo = € 12,00

 

/ CINEMA ore 21.30

Napoli Velata

Di Ferzan Ozpetek
Con Giovanna Mezzogiorno, Alessandro Borghi, Anna Bonaiuto, Isabella Ferrari, Lina Sastri, Peppe Barra, Drammatico, durata 112 min. Italia 2017.

‘Napoli velata’, una donna e un mistero. Ozpetek in viaggio nei segreti dell’anima
Una sera ad una festa Adriana (Giovanna Mezzogiorno) incrocia gli sguardi seducenti e provocatori di Andrea (Alessandro Borghi), un giovane attraente e sicuro di sé. Lei non riesce a sottrarsi a quella schermaglia sensuale e i due trascorrono così la notte insieme. Ma non sembra chiudersi tutto lì, si danno, infatti, appuntamento per il giorno dopo. In lei cresce rapidamente un sentimento più forte, forse l’inizio di un grande amore che potrebbe cambiarle la vita.
La svolta arriva, ma diversamente da come si aspettava. La situazione precipita quando rimane coinvolta in un delitto che la trascina al centro di un’indagine dai contorni inquietanti. Uno scossone capace di minare ogni sua certezza. Involontariamente, senza possibilità di scampo, s’infila in un percorso dentro la più segreta zona d’ombra della propria personalità.
In una Napoli sospesa tra magia e sensualità, ragione e follia, un mistero avvolge l’esistenza di Adriana, travolta da un amore improvviso e un delitto violento.

Napoli non si dà a tutti. Decide lei a chi svelarsi, a chi mostrarsi agitata da segreti ancestrali, magìe, superstizioni, rituali sfacciati. In questa città una donna viene travolta da una passione improvvisa e da un delitto. Eros e morte, l’amore, il sesso, la violenza scoppiano nella cornice di un thriller. Così si risvegliano le ombre di Napoli velata, il nuovo film di Ferzan Ozpetek.
(A. Vitali, La  Repubblica)
_
Ingresso
Intero • € 7,00
Ridotto soci UniCoop Firenze • € 6,00
Ridotto over 65 (fino alle ore 18.30, esclusi festivi e prefestivi) • € 6,00
Ridotto studenti under 18 • € 5,00
Ridotto studenti universitari (solo per ultima replica del giorno) • € 5,00